Chapter news

AFCEA Naples Chapter Military Metrology for AeroSpace, Padova 21 giugno

Dal 21 al 23 giugno 2017, a Padova,  si è svolta la 4° edizione del Workshop IEEEMetrology for AeroSpace, organizzato dal prof Stefano Debei del Centro di Ateneo di Studi e Attività Spaziali “Giuseppe Colombo” (CISAS), un evento di portata internazionale aperto a tutta la comunità scientifica ed al mondo delle imprese, che si occupano di misure e strumentazioni per applicazione aerospaziale.

Obiettivo dell’evento è rafforzare e sostenere la collaborazione tra gli esperti che operano per lo sviluppo di metodi di strumentazione e di misura per applicazione aerospaziale.

Particolare attenzione è rivolta a nuove tecnologie per la produzione aerospaziale assistita dalla metrologia, alla teoria delle misure applicata a componenti aeronautici, a sensori e trasduttori per il settore aerospaziale, a metodi di calibrazione e taratura per il settore aerospaziale”.

Gli argomenti trattati sono stati di grande interesse per il CISAS che si è fatto promotore di attività e studi a livello regionale, nazionale ed internazionale (ricordiamo le missioni ASI, ESA e NASA: Cassini-Huygens, MarsExpress, Rosetta, ExoMars e BepiColombo)

A valle di un rigoroso processo di revisione sono stati selezionati i lavori più innovativi ed originali. Il programma è stato ideato in collaborazione con il Prof. Pasquale Daponte, Presidente della Associazione Italiana Gruppo Misure Elettriche ed Elettroniche, per incentivare e diffondere la cultura della metrologia e delle misure presso tutti coloro che a vario titolo operano in ambito aerospaziale, dal mondo della ricerca, quello delle PMI e delle Grandi Aziende fino alle Istituzioni ed agli Enti locali.

L’evento padovano, è stato realizzato in collaborazione con molti importanti partner, tra i quali l’Università del Sannio, il Politecnico di Bari, ESA, ASI, INAF e molti altri, con il patrocinio – tra gli altri – della Regione Veneto e dell’Esercito Italiano che mette a disposizione una delle sedi del convegno negli splendidi spazi di Palazzo Zacco a Padova.

Il 21 giugno si è svolto il Military Metrology for Aerospace, organizzato da AFCEA Naples Chapter, rappresentata dal Presidente, B. Generale (aus) Dario Nicolella, e dal Consigliere Prof. Pasquale Daponte e dalla Proff.ssa Silvia Ullo.

SCARICA LE PRESENTAZIONI

Nelle foto da destra la Prof.ssa Silvia Ullo, il Prof Stefano Debei e il Gen. Dario Nicolella, il rappresentante dell’Ordine Ingegneri di Padova e Colonnello Carlo Libanori

Aerospace

Raccolta Fondi Terremoti Centro Italia

Come tristemente noto, negli ultimi mesi il Centro Italia è stato devastato da una serie di terremoti che hanno messo in ginocchio luoghi meravigliosi che rappresentano il patrimonio storico e culturale del nostro Paese e che, per molti di noi, sono luoghi a cui abbiamo legato affetti e ricordi. 24 agosto 2016, 26 ottobre 2016, 30 ottobre 2016, 18 gennaio 2017 sono le date che ci hanno sconvolto e tenuti attaccati alle tv, cercando di avere informazioni in tempo reale. Ma le vicissitudini di questi territori e di queste popolazioni non sono legate soltanto ai suddetti eventi; è un dramma quotidiano, uno stillicidio di scosse che rinnovano ogni giorno l’angoscia. E’ un dramma fatto da mille difficoltà quotidiane e continue preoccupazioni per il futuro che rischia di essere coperto dalla polvere del tempo.

AFCEA Capitolo di Roma ha deciso di portare un piccolo contributo a queste popolazioni, cercando di lenire per quanto possibile il dolore che si portano dietro dalla scorsa estate. Un intervento che vuole essere quanto più possibile mirato, tarato sulle reali esigenze delle comunità danneggiate; un contributo che si vuole costruire con il supporto e la generosità di tutti Voi e che, oltre ad un beneficio tangibile, vuole mandare a queste persone un piccolo ma intenso segnale: dopo sei mesi dalla tragedia, non vogliamo distogliere l’attenzione di una catastrofe che ci ha toccato come popolo.

Come detto, non sarà un semplice aiuto economico, ma sarà un aiuto tarato sui bisogni di chi vive quei territori, un sostegno che vuole risolvere per quanto possibile, un problema che impedisce a quelle persone di vivere la loro quotidianità, scontata per la maggior parte di noi.

Speriamo che la vostra generosità si manifesti in modo concreto per dare un segnale di presenza e vicinanza quando sembra che l’attenzione dei “mass media” si sia un pò attenuata.

Per manifestare la vostra generosità, potete fornire il contributo tramite bonifico bancario a:

CAPITOLO DI ROMA DELL’AFCEA

IBAN: IT31B0200803284000104565124

Causale: Raccolta fondi per terremoti Italia Centrale

Della raccolta fondi e della loro destinazione vi sarà data tempestiva e continua informazione.

Il nostro è un gesto di solidarietà, che speriamo sia utile ed efficace. Ma il modo forse più incisivo ed a lungo termine per risollevare le comunità del Centro Italia è quello di tornare al più presto a visitarle. Tornare in quei luoghi meravigliosi, per una vacanza, un weekend o persino una sola domenica. Farli sentire vivi, farci sentire vicini, farli sentire, nonostante tutto, il cuore pulsante del nostro Paese, tutelando un tesoro storico-culturale che rappresenta le nostre radici.

Roma Drone Campus 2017

Si è svolto  nei giorni 21 e 22 febbraio presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre, Roma Drone Campus 2017, il nuovo evento di formazione e business dedicato a imprese e professionisti. Roma Drone Campus 2017, ideato dal giornalista Luciano Castro, è promosso dall’Associazione culturale Ifimedia e organizzato dalla società Mediarkè. Negli ultimi anni, Ifimedia e Mediarkè hanno collaborato all’organizzazione dei maggiori eventi in Italia dedicati agli Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR). In particolare, a partire dal 2014 hanno organizzato tre edizioni di Roma Drone Expo&Show, il grande Salone aeronautico nazionale sui droni che si svolge sullo storico Aeroporto di Roma Urbe, e due edizioni di Roma Drone Conference.

“L’obiettivo è di offrire una grande occasione di formazione e di aggiornamento professionale per chi si sta avvicinando all’utilizzo professionale dei droni o per chi già lavora in questo settore”, spiega il presidente di Roma Drone, Luciano Castro. “Questo evento fornisce inoltre alle aziende della drone community italiana nuove opportunità di business e di networking, anche a livello internazionale”. I numeri di “Roma Drone Campus 2017” sono eloquenti: due giorni di manifestazione, 80 corsi e conferenze per un totale di 100 ore, 8 aule di varie dimensioni con 800 posti complessivi, 2 arene gonfiabili per effettuare voli dimostrativi. Sono stati anche previsti specifici corsi organizzati in collaborazione con alcuni Ordini professionali, con concessione di crediti formativi: giornalisti, geometri, ingegneri e periti agrari insieme ad un seminario per volontari delle associazioni di Protezione Civile. Il Roma Drone ha mostrato cosa sono e saranno i droni, che stanno vivendo oggi un vero boom in Italia e in tutto il mondo, sia sul fronte delle varie applicazioni civili, che per quanto riguarda l’interesse da parte del grande pubblico. Le utilizzazioni professionali di questi piccoli velivoli radiocomandati si moltiplicano infatti di giorno in giorno: dalle riprese televisive e cinematografiche al monitoraggio ambientale, dalla sorveglianza di grandi strutture e installazioni al telerilevamento di aree urbane e agricole fino alle attività di protezione civile. Ricordiamo che il Drone agevola e/o migliora il lavoro dei professionisti, pilotare un drone però non produce reddito, non è un mestiere. I droni servono per: 1) to see 2) to sense 3) to do. Un drone professionale costa quanto un’ora di elicottero, non mette in pericolo vite umane e può azzardare manovre pericolose per un aeromobile con pilota a bordo. Rispetto all’elicottero ha una manutenzione meccanica nulla. Presenti alla manifestazione anche il Corpo Internazionale di Pubblica Assistenza Humanitas e l’ AFCEA Naples Chapter, la prima interessata alle applicazioni dell’utilizzo dei SAPR per il soccorso e la protezione civile, la seconda interessata ad approfondire l’utilizzo dei SAPR per il “dual use” civile/militare. Entrambe le Associazioni sono state rappresentate dall’ ing. Massimiliano Canestro.

driniroma022017

SISTEMI AEROMOBILI A PILOTAGGIO REMOTO: CHE FARE SE SONO OSTILI?

Giovedì 26 gennaio, presso la Casa dell’Aviatore a Roma, si è svolto un convegno dal titolo “SAPR: che fare se sono ostili?”, organizzato dal Centro Studi Militari Aeronautici (CESMA) dell’Associazione Arma Aeronautica. Il convegno scaturisce dall’intento di discutere le potenzialità e le capacità, dallo sviluppo sempre più rapido, dei sistemi aerei a pilotaggio remoto, con particolare riguardo all’impiego da parte di attori ostili. Per le loro caratteristiche, infatti, quali miniaturizzazione, tecnologia di facile reperibilità e quindi scarsamente tracciabile,  assenza di un equipaggio, i SAPR si prestano all’impiego come possibili sistemi d’arma, ampiamente alla portata di singoli individui o organizzazioni anche criminali.

Quali sono dunque le possibilità di difesa contro questa nuova minaccia? I relatori hanno esaminato la problematica da diversi punti di vista, nel tentativo di dare una risposta a questa domanda, analizzando la situazione attuale e i possibili sviluppi futuri.

Il convegno è stato moderato dal Generale di Squadra Aerea (r) Giuseppe Marani e dal direttore del CESMA, Generale Ispettore Nazzareno Cardinali, ed ha visto l’intervento autorevole di rappresentanti di tutte le realtà interessate al mondo dei SAPR, quali l’Aeronautica Militare, la Pubblica Sicurezza, il Segretariato Generale della Difesa, ENAC e le principali industrie del settore. Presente al convegno anche l’ AFCEA Naples Chapter rappresentata dal Segretario, ing. Massimiliano Canestro, in foto in alto a sinistra sotto con il Gen. Giuseppe Marani, Past President dell’ AFCEA Naples Chapter.

Ad aprire i lavori l’intervento del Capo del 3° Reparto “Pianificazione dello Strumento Aerospaziale” dello Stato Maggiore dell’Aeronautica, Generale di Brigata Aerea Luigi Del Bene, delegato dal Capo di SMA, Generale di Squadra Aerea Enzo Vecciarelli. Il Generale Del Bene ha illustrato lo stato attuale dell’impiego di SAPR da parte dell’Aeronautica Militare, specificando come essi rappresentino una parte fondamentale del presente e del futuro della Forza Armata, soprattutto per il loro ruolo imprescindibile nel creare la cosiddetta “information cloud” e la “information superiority”. Il Generale, in foto in alto a destra con il Ten. Col. Felice D’Ippolito, ha poi analizzato la minaccia asimmetrica costituita dai SAPR, soprattutto quelli di piccole dimensioni e di basso costo, specificando come il possibile impiego ostile di tali assetti, come strumenti cinetici e non cinetici, siano sempre stati considerati dall’Aeronautica nei piani di difesa dello spazio aereo nazionale. L’AM ha da tempo assunto una posizione di leadership nel settore dei SAPR, maturando esperienza sia in Italia che nei Teatri Operativi, e mettendo a disposizione degli altri Ministeri e Autorità competenti il proprio know how. “Quella costituita dai SAPR è una nuova sfida, che impone di proteggere i nostri concittadini da minacce provenienti dal cielo … nell’eventualità in cui tali SAPR vengano impiegati in modo improprio o addirittura a scopo di offesa asimmetrica in contesti densamente popolati. La proliferazione di tali mezzi nelle classi mini/micro e anche in quelle dei cosiddetti aero-modelli rendono molto complesso il controllo delle zone di volo.” Il Generale Del Bene ha concluso delineando l’intendimento del Capo di SMA per il futuro: “L’Aeronautica intende mettere a sistema le proprie peculiari capacità per realizzare sinergie con gli altri stakeholders interforze e corpi armati dello Stato, con lo scopo di creare una rete integrata nel dispositivo esistente di Difesa Aerea, che includa anche tutti gli altri sensori distribuiti sul territorio nazionale, sfruttando efficacemente tale mole di dati per attuare il miglior controllo possibile contro questo tipo di minacce asimmetriche, in scenari urbani densamente popolati e insieme alla protezione da minacce tradizionali.”

Molto interessante la presentazione fatta dal Col. Macello Valendino di ARMAERO sui sistemi anti-SAPR. I sapr hanno basse emissioni IR e bassa “radar cross section”, hanno la guida automatica con possibilità di eseguire un piano di volo programmato, inoltre è molto facile modificarli con componenti ad alta tecnologia. Tra le tecnologie in uso per l’abbattimento dei SAPR ci sono i laser, i bazooka ad aria compressa con reti e fucili ad impulsi elettromagnetici. In questi casi il drone po’ creare danno con la caduta senza parlare del fatto che il laser rende incandescenti le parti colpite dal raggio. Esistono soluzioni RF per interrompere il collegamento con la stazione di comando che però risultano inefficaci se il drone continua in automatico il suo piano di volo. Soluzioni alternative possono essere l’uso di droni intercettori singoli o in sharming.

Durante l’evento il Dott. Samuele Martelli, dell’Istituto Italiano di tecnologia ha presentato in anteprima DualCam per la detezione e localizzazione di droni, un dispositivo innovativo che ispirandosi al mondo della natura, trasforma in immagini il paesaggio sonoro della scena,. DualCam è la prima telecamera ottico-acustica che rileva, localizza, classifica e notifica eventi anomali quali la presenza di un drone nella scena in tempo reale e ventiquattro ore su ventiquattro, anche in condizioni climatiche e ambientali avverse in cui le telecamere di videosorveglianza convenzionali falliscono clamorosamente. DualCam, frutto delle ricerche condotte da un team di ricercatori del dipartimento PAVIS presso l’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, è in grado di generare un flusso di immagini ottiche ed acustiche sovrapposte. Un’immagine acustica è una mappa 2D della scena, in cui ogni pixel codifica l’intensità del suono proveniente da una data direzione ed emesso da qualsiasi sorgente, sia essa costituita da persone, veicoli, o generici oggetti.

“DualCam è stata appositamente progettata per localizzare i droni di piccola taglia e per poter essere integrata in una rete digitale di videosorveglianza fornendo informazioni complementari rispetto a quelle fornite da tecnologie convenzionali quali RADAR o sistemi elettroottici, permettendo così la creazione di un sistema di sicurezza più robusto ed affidabile, riassume l’ Ing. Samuele Martelli (nella foto centrale sotto insieme all’ing. Massimiliano Canestro con in mano il dispositivo per la detenzione e localizzazione dei droni), coordinatore del progetto – Viste le potenzialità e l’interesse che abbiamo riscontrato da parte dell’Industria su questo sensore, non vogliamo fermarci qui e stiamo già rivolgendo lo sguardo verso altre potenziali applicazioni quali l’integrazione in sistemi intelligenti Industry 4.0 per il monitoraggio e controllo di macchine e processi produttivi”.

Lavoro del Col. Valendino presentato durante il Convegno CESMA del 26 gen. 2017: “SAPR: che fare se sono ostili”

 

2017 droni

La Cyber Security che verrà per la difesa degli asset nazionali – AFCEA Roma 21 settembre 2016

Si è svolto mercoledì 21 settembre 2016 a Roma, presso la Scuola Trasmissioni ed InformaticaSCUTI il convegno “La Cyber Security che verrà per la difesa degli asset nazionali” patrocinato dall’AFCEA Capitolo di Roma.

L’escalation di attacchi informatici verso aziende, entità istituzionali, utenze pubbliche e private è certamente una realtà. Un valido aiuto per la sicurezza delle informazioni, la privacy e la tutela degli Assetti Nazionali è sicuramente la “Cyber Security”. Numerose, ma ancora non completamente pervasive, sono le campagne di sensibilizzazione in favore dell’adozione di tale capacità da parte degli addetti alla sicurezza anche attraverso idonee attività di formazione.  In un contesto estremamente dinamico, quale quello degli attacchi informatici e della conseguente applicazione dei meccanismi di Cyber Security, l’attenzione deve restare sempre alta e sempre più necessaria appare una stretta collaborazione tra istituzioni governative, università, settore privato e industria al fine di cercare di garantire una risposta reattiva e sempre più “intelligente” a tali attacchi.

In questo panorama essenziali i temi presentati ed illustrati nel corso dell’evento, quali:

  • l’approvazione della normativa NIS (Network Information System) da parte del Consiglio d’Europa e la sua obbligatoria adozione (entro 21 mesi) da parte di tutti i Paesi membri;
  • la problematica, sempre più rilevante, relativa al corretto bilanciamento tra la necessità della sicurezza e l’irrinunciabile diritto alla privacy;
  • la necessità di assicurare nella più ampia accezione possibile lo sviluppo di capacità di prevenzione e di difesa verso gli attacchi cyber. In tal senso interessanti appaiono anche le iniziative per l’introduzione di una difesa “attiva” di tipo preventivo;
  • l’integrazione fra l’Intelligence e la Cyber Security, come spesso auspicato negli interventi istituzionali, al fine di poter garantire una “situational awareness” costantemente aggiornata e, di conseguenza, poter anticipare le mosse degli attaccanti.

L’obiettivo di base dell’evento è quello di favorire la condivisione delle informazioni sulle iniziative per la Cyber Security e la cooperazione fra le diverse entità istituzionali, industriali, accademiche e della Difesa presenti, nonché di contribuire all’apprendimento dello stato dell’arte in termini di soluzioni tecnologiche, organizzative e di servizi già disponibili e/o in sviluppo.

Presente all’evento il Presidente dell’AFCEA Naples Chapter, B. Generale (aus) Dario Nicolella che ha ritirato a nome del Capitolo di Napoli il premio “Capitolo Modello dell’anno” che viene conferito al capitolo che mira a rafforzare la struttura generale del capitolo stesso ed il programma delle attività riconoscendo quelli che soddisfano una rigorosa serie di criteri.

nicolella 21 settembre

Military Metrology for AeroSpace Institut of Military Aeronautical Sciences – Florence, June 21st 2016

Military Metrology for AeroSpace 2016 – Institut of Military Aeronautical Sciences – Florence, June 21st 2016

L’IEEE Aerospace and Electronic System Society, l’IEEE Instrumentation and Measurement Society, ed il Gruppo di Misure Elettriche ed Elettroniche dell’Università di Firenze hanno organizzato il 3rd International Workshop on Metrology for AeroSpace (http://www.metroaerospace.org), che si è tenuto a Firenze, nei giorni 21, 22 e 23 giugno 2016. Come evento parallelo, AFCEA Chapter of Naples ha organizzato per la seconda volta il “Military Metrology for AeroSpace”, presso l’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche il 21 giugno http://www.metroaerospace.org/military/.

Il programma del Military Metrology ha incluso, oltre ai saluti di benvenuto del Gen. D.A. Stefano Fort, Institute of Military Aeronautical Sciences, Florence, del B. Gen. (a) Dario Nicolella, President of AFCEA Chapter of Naples, e del Prof. Pasquale Daponte, University of Sannio, i seguenti interventi;

  • Modelling & Simulation Application for RPAS Integration Test, T.Col. GArn Ing. Ferdinando Dolce, Experimental Flight Department, Italian Air Force
  • Live Air Space Controller: a new method to evaluate and face the turbulence in flight, Eng. Gaetano Rizzi, Evolve The Future
  • Space-based Measurements for Operational Meteorology, Lt. Col. Daniele Biron, Operational Centre for Meteorology, COMET, Italian Air Force
  • Tektronix Solutions for Radar and Electronic Warfare applications, Eng. Gabriele Vittori, Tektronix/Keithley

Il Workshop è stato seguito da un nutrito gruppo di esperti civili e militari italiani e stranieri.

A conclusione dell’evento sono stati conferiti, a titolo di ringraziamento a nome di AFCEA, una targa ricordo al Gen. D.A. Stefano Fort e delle pergamene ai singoli relatori, accompagnate da una confezione di cantuccini, “simbolo” della città di Firenze che ha ospitato la Conferenza.

metro4aerospace2016

AFCEA: Small Defence Industrial Alliance, una opportunità di internazionalizzazione

Si é svolto venerdì 17 giugno, presso la sede LUPT, sala R. D’Ambrosio, il workshop AFCEASmall Defence Industrial Alliance, una opportunità di internazionalizzazione”

Sede: Lupt sala R. d’Ambrosio Via Toledo 402 Napoli – 17 GIUGNO 2016

Ad oggi la partecipazione di piccole e medie aziende nel settore della Difesa alle gare internazionali è resa difficile da diversi fattori. Con questo seminario AFCEA, nel proprio ambito istituzionale, si propone mettere in contatto tra loro possibili partner. L’offerta si rivolge sia a PMI che ad università e centri di ricerca.

PROGRAMMA

Introduzione e saluti - B. Gen. (aus) Dario Nicolella, Presidente AFCEA Naples Chapter, Prof. Guglielmo Trupiano, Direttore del Centro Interdipartimentale R. d’Ambrosio-Lupt e Prof. Leopoldo Angrisani, Vice-Presidente vicario CeRITT e Delegato Lupt ai rapporti con AFCEA.

Dott. Gustavo Scotti di Uccio, Atlantic Organization for Security (AOS) - Un nuovo modello: l’internazionalizzazione e la Small Defence Industrial Alliance (SDIA) (Scarica la presentazione)

Arch. Gabriella Duca/Dott.ssa Mariarosalba Angrisani: presentazione attività Lupt e CeRITT  (Scarica la presentazione)

Prof. Luca De Vito: Attività di trasferimento tecnologico in corso presso l’Università del Sannio (Scarica la presentazione)

Ing. Francesco Floro Flores, 3F Data System: “Il soldato del futuro” (Scarica la presentazione

Dott. Andrea Di Pasquale, Innova – Presentazione a cura di Innova (MT) (Scarica la presentazione)

Dott. Michele Cortese, Akron BT: “HEXAGON SHIELD®: una soluzione rivoluzionaria per la crittografia” (Scarica la presentazione)

Ing. Francesco Castagna, SMS Engineering: “Esperienze con NATO” (Scarica la presentazione)

AFCEA 17 giu

Board Afcea 2016

Mercoledì, 23 marzo 2016 si é riunita l’Assemblea Annuale e l’Elezione del Consiglio Direttivo dell’AFCEA Naples Chapter, che con votazione unanime dei presenti risulta così composto:

Presidente: Gen. Dario Nicolella

Vice Presidente: Francesco Castagna

Segretario: Massimiliano Canestro

Young President: Luca De Vito

Consiglieri:

Pasquale Daponte

Michele Cortese

Luigi Di Fraia

Nicola Pasquino

 

ASSEMBLEA AFCEA

DRONI Sicurezza e Protezione Civile, 18 marzo

Il Generale Dario Nicolella, Presidente dell’AFCEA Naples Chapter e Don Roberto Schiavone di Favignana, Presidente del Corpo Internazionale di Pubblica Assistenza Humanitas,

sono lieti di invitare la S.V. al convegno organizzato dalla NOVA Italia Onlus:

S.A.P.R.: UTILIZZO DEI DRONI PER LA SICUREZZA E LA PROTEZIONE CIVILE

Circolo degli ufficiali dell’Esercito Italiano, Piazza del Plebiscito 80132 Napoli

Venerdì 18 marzo-ore 9.30 – 18.00

Scarica il programma

DRONI MARZO 2016

 

Cisco Internet of Everything: con la SMS Engineering arriva la trasformazione digitale, 25 febbraio 2016

Il 25 Febbraio è stato il momento di Cisco Internet of Everything con SMS Engineering a Napoli, nella Sala Cenzato, sede Unione degli Industriali di Napoli in Piazza dei Martiri. L’evento ha riscosso un notevole successo ed ha visto la presenza di oltre 60 persone tra cui rappresentanti di PMI e grandi imprese, istituzioni locali e del mondo accademico. Cisco Internet of Everything (IoE) è un innovativo paradigma che contempla l’interconnessione di dispositivi, oggetti, persone, dati e processi, con l’obiettivo di aiutare i clienti a migliorare l’operatività ed ampliare la produttività, risparmiando tempo e denaro. Cisco ed SMS Engineering – Premier Partner di Cisco – hanno tenuto un workshop informativo sul mondo di Internet of Everything ed illustrato la soluzione Cisco IoT System, che connette nuovi luoghi come reparti produttivi, reti energetiche, strutture sanitarie e sistemi di trasporto in modo intelligente ed efficiente. Si sono alternati nei saluti Gaetano Cafiero Presidente Sezione ICT Unione degli Industriali di Napoli, Antimo Angelino Vice Coordinatore della Commissione Informatica dell’ Ordine degli Ingegneri di Napoli, Francesco Castagna CEO SMS Engineering, Giuseppe Lipardi Territory Business Manager CISCO, Giancarlo Esposito Territory Business Manager CISCO ed il Presidente dell’AFCEA Naples Chapter Gen. Dario Nicolella. L’incontro è stato moderato dalla giornalista Mariagrazia Toscano. Tra le numerose aziende presenti al workshop si evidenzia la presenza del Consorzio Facitaly specializzato nel Global Service e Facility Management.

I Panel Tecnici hanno visto alternarsi le presentazioni (scaricabili) di:

Diego ZuccaCISCO – “IOE overview: trends, reference model and addressable markets – Manufacturing 4.0

Fabio OrsiniIT Centric – “Connected Safety and Security

Danny BrugnoloTrueverit–“IoT e Riv. Industriale 4.0 – Il futuro della fabbrica intelligente

UNICA Channel TV: Internet of everything arriva la trasformazione digitale

VIDEO CISCO IOE

Internet of Things, in italiano Internet delle cose o Internet degli oggetti, sta cambiando tutto, compresi noi stessi. Secondo Cisco IBSG (Internet Business Solutions Group), l’Internet delle cose indica semplicemente il momento in cui a Internet hanno iniziato a essere connesse più “cose (o oggetti)” che persone. Nell’accezione fondamentale, la conoscenza è quell’insieme di informazioni di cui qualcuno è al corrente. Conoscenza ed esperienza, a loro volta, generano saggezza. Tuttavia, mentre la conoscenza cambia nel tempo, la saggezza è eterna. Tutto, comunque, ha inizio con l’acquisizione di dati. È poi importante sottolineare la correlazione diretta tra input (dati) e output (saggezza). Più dati vengono creati, più conoscenza e saggezza si possono ottenere. L’Internet delle cose aumenta radicalmente la quantità di dati che possiamo elaborare. Questo, unito alla capacità di Internet di comunicare tali dati, consentirà ulteriori progressi. Quando il numero di oggetti connessi a Internet ha superato quello delle persone, si sono aperte enormi opportunità per la creazione di applicazioni nei campi dell’automazione, del rilevamento e delle comunicazioni tra macchine. Di fatto, le possibilità sono quasi infinite.

evento CISCO

CISCO IOE 25 FEBBRAIO 2016

Droni e telerilevamento: “L’utilizzo degli APR per la gestione del territorio e il controllo di infrastrutture e beni culturali”

La terza conferenza del ciclo “Roma Drone Conference 2015-16” tenutasi presso la Link Campus University di Roma il 20 gennaio 2016, ha riguardato uno dei settori applicativi più promettenti della tecnologia APR: l’osservazione e la gestione del territorio, sia per quanto riguarda le aree urbane che per i grandi impianti, oltre al controllo dei beni culturali ed al monitoraggio dell’ambiente. La conferenza ha visto riuniti i massimi esperti nazionali. Il programma ha avuto una prima sessione sulle nuove soluzioni tecnologiche, con la presentazione di droni e sensori da parte di aziende come FlyTop, Italdron, Virtual Robotix Italia, MicroGeo, Drone Service, Cardtech e Topcon Positioning Italy a cui è seguita la sessione dedicata a diversi progetti ed esperienze sul campo. Presenti anche enti e organizzazioni che hanno già iniziato o inizieranno presto a sperimentare l’uso degli APR in questi settori tra cui l’AFCEA Naples Chapter, il Corpo Internazionale di Pubblica Assistenza Humanitas e la NOVA Italia.

Armando Conti dell’ACI Consult ha mostrato come sono stati impiegati dei droni per attività di rilievo presenze di amianto attraverso sorvolo sul comune di Roma. Andrea Vecchi di Rete Ferroviaria Italiana (RFI) ha illustrato una gara indetta per l’ispezione dei ponti tramite SAPR. Gara per ispezionare viadotti, ponti in alveo, ponti ad arco o in muratura, in aperta campagna ovvero fuori da aree critiche per ottenere un report fotografico ed un key plan generale e restituire anche un modello 3D affinché l’ispezione possa  essere effettuata in remoto, individuando facilmente i difetti, sostituendo la distanza di contatto con fasi di volo e modelli.

A margine della conferenza, a partire dalle ore 14, si è svolta invece un Question Time con l’ENAC sull’emendamento al Regolamento SAPR pubblicato a sorpresa lo scorso 21 dicembre, dove ad intervenire, oltre ad alti rappresentanti dell’ENAC, dell’ANSV e l’AM anche le Associazioni del settore droni, le aziende produttrici, gli operatori e la stampa specializzata.

Forti sono state le polemiche sorte nelle scorse settimane proprio sulle nuove norme per l’utilizzo professionale dei droni. L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC) ha infatti pubblicato un mese fa, a sorpresa, un emendamento alla seconda edizione del Regolamento sugli Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR). L’emendamento prevede, in particolare, nuove limitazioni riguardanti le operazioni di volo negli spazi aerei controllati (i cosiddetti CTR), le operazioni di notte e le caratteristiche dei mini-droni con peso fino ai 300 grammi. L’iniziativa dell’ENAC ha suscitato numerose polemiche da parte della drone community italiana: nei forum specializzati, sono state addirittura ipotizzate proteste pubbliche, azioni legali e interrogazioni parlamentari. Per fare chiarezza e smorzare i toni, nel dibattito pomeridiano, sono intervenuti l’ing. Alessandro Cardi, direttore centrale Regolazione Tecnica dell’ENAC, il gen. Roberto Cattaneo, capo Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia dello Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare e il prof. Bruno Franchi, presidente dell’ANSV. Per il settore APR hanno partecipato i rappresentanti delle maggiori Associazioni FIAPR, UASIT, AIDRONI, EDPA e di due aziende FlyTop e Italdron e delle due principali testate specializzate DronEzine e Quadricottero News.

Dal dibattito sono emerse alcune contingenze della sicurezza volo che hanno portato alla modifica del regolamento. In particolare 150 m (circa 500 piedi) sono il limite operativo degli aeromobili militari ad alte prestazioni, che difficilmente eviterebbero una collisione incrociando un APR. I droni, secondo l’ultimo regolamento, possono operare in spazi aerei controllati senza fornitura di servizi fino a 70 m (circa 250 piedi) dove volano aeromobili (come gli elicotteri) che più agevolmente possono gestire eventuali “incroci” con droni per capacità di manovra.

Nella foto sotto da sinistra: Vittorio Adelfi e Maria Dazi di NOVA Italia, Massimiliano Canestro in rappresentanza dell’Humanitas e dell’AFCEA Naples Chapter con Massimo Decker.

20gen2016romaconf

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E TERRORISMO NELL’ATTUALE CONTESTO GEO-POLITICO

Giovedì 28 Gennaio 2016, Basilica di San Giovanni Maggiore Via Rampe S. Giovanni Maggiore, 14 NAPOLI

Il Generale Ing. Dario Nicolella, Presidente dell’AFCEA Naples Chapter, Armed Forces Communications and Electronics Association, l’ing. Francesco Castagna, Coordinatore Commissione Informatica dell’ Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli nonché Vice Presidente dell’ AFCEA Naples Chapter sono lieti di invitare la S.V. al Convegno in Oggetto.

A B S T R A C T

Il convegno si propone di illustrare ai partecipanti le principali metodologie, strumentazioni ed innovazioni tecnologiche, all’interno dell’attuale quadro geo-politico, caratterizzato da tragici fenomeni terroristici. Questo in termini bivalenti, ovvero connotando sia l’uso criminale che ne viene fatto, sia le potenzialità strategiche di difesa che i governi possono e devono utilizzare per la prevenzione e la tutela della vita umana e delle opere d’arte patrimonio della collettività.

14:30 – 15:00 Registrazione dei Partecipanti

15:15-15:30 Saluti Istituzionali

Ing. Luigi Vinci, Presidente dell’ Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli

Ing. Stefano De Falco, Direttore CeRITT e Presidente AICTT

Ing. Francesco Castagna, Coordinatore Commissione Informatica OIN

Moderatore ing. Gennaro Annunziata, Coordinatore Commissione Innovazione tecnologica OIN.

15:30 – 18:30 Relazioni

L”ASCESA DELL’ISIS NEL PANORAMA DEL TERRORISMO ISLAMICO Dott. Daniele Scalea IsAG Istituto Alti Sudi in Geopolitica

IL PROCESSO DELLA CONTINENTALIZZAZIONE E L’ALLARME TERRORISTICO Prof. Guglielmo Trupiano – Università degli Studi di Napoli Federico II

INNOVAZIONE TECNOLOGICA, SVILUPPO ECONOMICO ED INTEGRAZIONE SOCIALE Prof. Gennaro Biondi – Università degli Studi di Napoli Federico II

TECNOLOGIE E TERRORISMO Generale Ing. Dario Nicolella – Armed Forces Communications and Electronics Association (AFCEA)

TECNOLOGIE PER L’HOMELAND SECURITY Prof. Leopoldo Angrisani – Università degli Studi di Napoli Federico II

IL RUOLO DELLA COMPONENTE DI INFORMATION TECNOLOGY NEL TERRORISMO MODERNO Dott. ing. Pierluigi Paganini, Cyber Security Expert – Comm. Informatica OIN

18:30 – 18:45 Question Time

cerit 2016

L’AFCEA A DRONEVISIONI – Roma drone conference: “Dronevisioni: l’utilizzo degli APR per riprese aeree, giornalismo, tv e cinema”

Si è svolta lo scorso 28 ottobre presso l’Auditorium della Link Campus University, la prima conferenza di “Roma Drone Conference 2015-16”, il secondo ciclo di conferenze sulle applicazioni professionali dei droni. Negli ultimi anni, in Italia si è assistito ad un boom dei droni: macchine volanti radiocomandate, nate in ambito militare nel secolo scorso, che stanno trovano un gran numero di applicazioni professionali in ambito civile, oltre ad aver suscitato notevole interesse anche in ambito amatoriale e aeromodellistico. L’obiettivo di queste iniziative è fornire indicazioni precise su questo mercato in così rapido sviluppo in Italia e in tutto il mondo. In particolare, la conferenza “Dronevisioni” ha voluto offrire l’occasione per fare il punto sulle tecnologie e sui servizi per le riprese aeree disponibili oggi sul mercato dei droni. C’è un grande interesse per il settore dei droni, soprattutto come nuovo sbocco professionale in questo momento di crisi del mercato del lavoro. Le riprese aeree sono il settore che ha registrato il maggiore sviluppo nell’utilizzo dei droni.

Dopo i saluti di benvenuto da parte del rettore della Link Campus University, il prof. Adriano De Maio, e l’intervento introduttivo del presidente di Roma Drone Conference nonché moderatore Luciano Castro, si sono susseguiti gli interventi da parte dei massimi esperti del settore.

E’ stato affrontato l’aspetto legale e normativo, con Riccardo Delise, program manager APR, Direzione Regolazione Navigabilità ENAC, il quale ha illustrato i contenuti del nuovo Regolamento ENAC. Il dott. Marco Di Fonzo, direttore Centro Ricerca SAPR, Link Campus University, invece, ha focalizzato l’attenzione sulla formazione dei professionisti nelle riprese aeree con gli APR. Nella sessione pomeridiana, Luciano Castro, presidente Roma Drone Conference (moderatore), Riccardo Delise, program manager APR, Direzione Regolazione Navigabilità ENAC, Luigi Zomparelli, titolare FlyAge, Roberto Alfieri, owner & founder VideoRA e autore del libro “L’invasione dei droni”, Giampietro Palazzi, titolare VideoVolando ed Enrico Farro, presidente Associazione Nazionale Film-makers e Videomakers Italiani, si sono confrontati in una tavola rotonda dal titolo: “Droni per la tv, tra diffusa illegalità e limiti normativi. Quali soluzioni?” durante la quale si è posta l’attenzione sui limiti della legalità nell’utilizzo dei droni: sempre più spesso, infatti, produzioni cinematografiche, emittenti tv, videomaker, giornalisti, fotografi professionisti o anche semplici amatori utilizzano piccoli droni per effettuare riprese di grande impatto scenografico e spesso non realizzabili altrimenti. Un settore che promette una rapida espansione nei prossimi anni, ma che è ancora caratterizzato da un’ampia area di sommerso e di illegalità. L’ENAC ha annunciato per il 2016 l’obbligo, per gli APR “regolari”, di avere un dispositivo identificativo a bordo che permetterà di identificare subito l’APR ed il Pilota al fine di verificare se un volo è autorizzato e nel contempo per permettere agli organi di Polizia di sanzionare i voli non autorizzati. Un’idea emersa durante il dibattito, al fine di fare una corretta informazione, vista la grande diffusione dei droni anche all’interno dei centri commerciali (che sotto i 300g hanno poche limitazioni d’uso), è stata quella di mettere la normativa all’interno del prodotto acquistato. La conferenza si è conclusa con l’intervento di Alessandro Musto, presidente Italy Drone Film Festival (IDFF) “Un festival per i film con i droni”.

Presente all’evento l’ing. Massimiliano Canestro, Segretario di AFCEA Naples Chapter.

Nella foto sotto alcuni momenti della conferenza, le tecnologie ed i SAPR di ITALDRONE, i giubbotti ad alta visibilità obbligatori per i piloti di APR di ACHROM indossati da Rosaria Mosca e Massimiliano Canestro della SMS Engineering

drone conference

L’ AFCEA Naples Chapter e l’Humanitas di Salerno al convegno “IL MEDITERRANEO AL CENTRO DELLE POLITICHE EUROPEE: IL RUOLO STRATEGICO DELL’ITALIA”

Si è tenuto il 26 giugno 2015, presso la sala delle assemblee del banco di Napoli, un convegno organizzato dalla Fondazione Mezzogiorno Europa, per discutere del ruolo strategico dell’ Italia nel Mediterraneo. Interventi di Umberto Ranieri, Presidente Fondazione Mezzogiorno Europa, Massimo Deandreis Direttore Generale SRM, Alfonso Iozzo Unione Europea dei Federalisti, Lucio Levi Università di Torino, Giandomenico Magliano Ambasciatore d’Italia a Parigi, Maurizio Massari Ambasciatore d’Italia al Cairo, Pasquale Terracciano Ambasciatore d’Italia a Londra (con video messaggio). Ha concluso i Lavori il Ministro Paolo Gentiloni.

Tutti i paesi del Mediterraneo crescono, € 9,4 Miliardi sono le esportazioni italiane verso i paesi che si affacciano sul mediterraneo e € 44 miliardi sono le esportazioni italiane verso il “Mediterraneo allargato”, più dell’ export verso gli USA che è pari a € 26 miliardi. Il 20% del traffico marittimo mondiale passa attraverso il mediterraneo ed il 6 agosto, con l’inaugurazione del raddoppio del Canale di Suez crescerà ulteriormente. Attualmente manca una politica EU orgnica sui flussi migratori, l’ISIS avanza senza tante resistenze, viviamo un rischio terrorismo ed un rischio energetico. Le primavere arabe sono quasi tutte fallite ed alcune hanno creato maggiori problemi con la nascita del califfato islamico. In questo scenario c’è un vuoto di potere degli Stati Uniti nel Mediterraneo e la Russia che ha partecipato in maniera attiva per risolvere i problemi legati all’uso delle armi chimiche in Siria e alla questione nucleare in Iran è attualmente sotto embargo con grave danno delle esportazioni italiane. Per mettere ordine nel Mediterraneo bisogna sicuramente iniziare dalla sicurezza, ricordando che non possiamo esserne più meri consumatori e dobbiamo aiutare gli stati arabi, prime vittime del terrorismo, a combattere i loro rinnegati. Contestualmente è necessaria una cooperazione strutturata permanente della Comunità EU per realizzare un piano di sviluppo comune con i paesi del Mediterraneo tenendo ben presente, come ricorda anche il Ministro Gentiloni, che la Centralità del Mediterraneo è un Obiettivo non una premessa essendo tale solo per l’Italia.

Presenti al Convegno anche il Generale dei Carabinieri Mottola, il Prefetto di Napoli Pantalone e diverse associazioni imprenditoriali ed enti tra cui L’Humanitas di Salerno e l’AFCEA Naples Chapter entrambe rappresentate dall’ing. Massimiliano Canestro, SMS Engineering Vice President.

L’Humanitas, corpo interazionale di pubblica assistenza, è spesso impegnata nell’accoglimento dei flussi di migranti nel porto di Salerno, sia durante l’Operazione Mare Nostrum che durante l’attuale Missione Triton, attraverso i suoi volontari che accolgono i disperati sulla banchina offrendogli un servizio di prima assistenza/soccorso e preparando loro un pasto.

AFCEA International è un’associazione senza scopo di lucro che che si rivolge ai militari, al governo, all’industria e alle accademie in qualità di foro etico per diffondere le conoscenze specialistiche dei settori menzionati ed incrementare le partnership nei settori delle telecomunicazioni, IT, intelligence e sicurezza globale. AFCEA sostiene la sicurezza globale incoraggiando una relazione cooperativa e stretta tra le Agenzie Statali, i militari e le industrie.

Il Ministro Paolo Gentiloni

«L’idea di chiudersi, l’isolazionismo, non è tra le carte che ci possiamo giocare».

Lo ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, intervenendo al convegno sul Mediterraneo organizzato a Napoli dalla Fondazione Mezzogiorno Europa.

«È già difficile raccontare un muro alla frontiera dell’Ungheria, e infatti mi pare che su questo si sia fatto qualche passo indietro – ha aggiunto – ma sicuramente un muro in mezzo al Mediterraneo non lo può immaginare neanche il più fantasioso degli ingegneri della paura collettiva».

Per il ministro «non abbiamo tra le carte giocabili quella dell’isolazionismo e dobbiamo giocare piuttosto la carta della responsabilità e della condivisione a livello europeo.

Con l’Unione Europea insistiamo perché sappiamo che la condivisione avrà due effetti: l’Europa riscopre la sua coscienza rivendicando i principi di civiltà e cultura giuridica alla base della sua civilizzazione, e ci aiuterà a gestire il fenomeno dell’immigrazione, che è l’obiettivo che un paese civile si deve porre», ha concluso Gentiloni.

Gentiloni

L’AFCEA Naples Chapter alla Conferenza DRONI PER LA SCIENZA

Roma Drone Conference

Si è tenuta a Roma martedì 28 aprile, presso il Centro Congressi Frentani la Conferenza: “Droni per la scienza. Iniziative e progetti con gli APR di Università e Centri di ricerca in Italia”. Questa conferenza, la settima e ultima del ciclo 2014-15, ha riguardato l’utilizzo degli APR nel settore della ricerca scientifica. Sono numerosi infatti gli Enti scientifici, le Università e i Centri di ricerca che impiegano i droni per attività scientifiche nelle più diverse discipline: dal monitoraggio dell’ambiente all’agricoltura, dal controllo dei beni culturali alle rilevazioni archeologiche, dalla raccolta di dati epidemiologici fino alla ricerca di dispersi sotto la neve o in aree colpite da calamità naturali . La conferenza ha visto riuniti i massimi esperti nazionali della materia e le Università e i Centri di ricerca che hanno già iniziato a sperimentare l’uso degli APR. Presenti le maggiori imprese produttrici di droni, che hanno illustrato innovative soluzioni tecnologiche, tra cui APR (ad ala fissa e rotante) e sensori pensati appositamente per la ricerca scientifica. Si tratta di un settore di grande interesse, soprattutto per lo sviluppo di nuove tecnologie e per l’individuazione di ulteriori ambiti applicativi dei droni. L’ENAC ha annunciato, durante la conferenza, un forte “alleggerimento normativo” per i Droni con peso massimo al decollo sotto i 300 grammi.

Presente alla Conferenza anche l’AFCEA Naples Chapter, che ha colto l’occasione per invitare gli interessati al Metrology for Aerospace e al Technology Biz di giugno, a Napoli, dove terrà due conferenze che si occuperanno, tra le varie, degli utilizzi degli APR in ambito civile e militare

Droni per la scienza

Roma Drone Conference: il Gen. Marani, l’uso degli APR nei settori security e difesa in Italia

Roma Drone Conference: il Gen. Marani, l’uso degli APR nei settori security e difesa in Italia

 24 febbraio – Roma “Droni e sicurezza. Situazione e prospettive dell’impiego degli APR per forze armate, corpi di polizia e protezione civile in Italia”

Intervento del Gen. (sa) Giuseppe Marani, CESMA coordinatore gruppo di studio SAPR, “l’uso degli APR nei settori security e difesa in Italia”.

Durante la pausa lavori viene consegnata una Targa al Gen.(sa) Giuseppe Marani, in riconoscimento dell’ottimo servizio reso in qualità di Presidente dell’ AFCEA Naples Chapter, da parte del Segretario Massimiliano Canestro, in nome e per conto del Gen. Dario Nicolella, attuale Presidente e di tutto il Consiglio Direttivo.

La Roma Drone Conference è un evento con cadenza mensile in cui si approfondisce un singolo settore applicativo sui SAPR. Il 24 febbraio c’è stato un focus sulle prospettive di impiego degli APR per forze armate, corpi di polizia e protezione civile in Italia’, per mettere in risalto problematiche, soluzioni e progetti innovativi in un clima di scambio interessato e volontà di crescita. Per le Forze Armate è stato utile comprendere meglio gli scenari di utilizzo di alcuni tipi di droni in particolare le aziende italiane produttrici di droni professionali possono garantire quel supporto anche alle forze di polizia, mettendo in campo delle versioni speciali dei propri velivoli, in particolare la FLY TOP ha presentato un drone ad ala fissa studiato proprio per la Polizia.

Droni afcea

L’AFCEA Naples Chapter al Convegno: “LA TRASFORMAZIONE DELLO SCENARIO GLOBALE: OPPORTUNITA’ E RISCHI”.

Organizzato dal Propeller Club, il 18 marzo 2015, presso l’Aula Magna dell’Università Parthenope di Napoli.

Dopo i saluti del presidente del Propeller Club, Umberto Masucci, e di Giosuè Grimaldi, presidente della Sede di Napoli dell’Istituto Italiano di Navigazione, si sono susseguiti gli interventi introduttivi di Umberto Leanza, consulente del Ministero degli Affari esteri, e di Umberto D’Amato, consigliere del Propeller Club di Napoli. La relazione sul tema del convegno sarà tenuta dall’Ammiraglio Rinaldo Veri, presidente CASD (Centro Alti Studi Difesa). Molto partecipata la discussione sull’utilizzo dei mezzi privati nel soccorso ai rifugiati in mare e sugli scenari derivanti dall’esplosione dei flussi migratori verso l’Europa utilizzando l’Italia come punto di accesso. Siamo forse difronte ad una possibile soft invasion da parte di popolazioni povere e/o da parte di disperati che scappano da guerre e devastazioni? Forse le Nazioni Unite devono autorizzare un intervento militare in Libia per controllare i flussi migratori che sono gestiti dai terroristi dell’ISIS? Siamo difronte una possibile invasione da parte del nuovo stato islamico che parte dal mediterraneo? questi e molti altri gli argomenti trattati. Presente anche l’ AFCEA Naples Chapter guidata dal Presidente Gen Dario Nicolella, in foto con l’Amm.SQ Rinaldo Veri, l’ing. Giosuè Grimaldi e l’ ing. Massimiliano Canestro in rappresentanza anche della Fondazione Humanitas, più volte coinvolta in operazioni di accoglienza dei rifugiati nel porto di Salerno, sbarcati nell’ambito dell’operazione Mare Nostrum. L’Humanitas nel 2014 ha tra l’altro consegnato porprio all’Ammiraglio Veri nel 2014 un benemerenza, la Medaglia d’Oro al Merito Sociale dell’Humanitas.

AFCEA International è un’associazione senza scopo di lucro che che si rivolge ai militari, al governo, all’industria e alle accademie in qualità di foro etico per diffondere le  conoscenze specialistiche dei settori menzionati ed incrementare le partnership nei settori delle telecomunicazioni, IT, intelligence e sicurezza globale. AFCEA sostiene la sicurezza globale incoraggiando una relazione cooperativa e stretta tra le Agenzie Statali, i militari e le industrie.

afcea propeller

Roma Drone Conference: il Gen. Marani, l’uso degli APR nei settori security e difesa in Italia

24 febbraio – Roma “Droni e sicurezza. Situazione e prospettive dell’impiego degli APR per forze armate, corpi di polizia e protezione civile in Italia”

Intervento del Gen. (sa) Giuseppe Marani, CESMA coordinatore gruppo di studio SAPR, “l’uso degli APR nei settori security e difesa in Italia”.

Durante la pausa lavori viene consegnata una Targa al Gen.(sa) Giuseppe Marani, in riconoscimento dell’ottimo servizio reso in qualità di Presidente dell’ AFCEA Naples Chapter, da parte del Segretario Massimiliano Canestro, in nome e per conto del Gen. Dario Nicolella, attuale Presidente e di tutto il Consiglio Direttivo.

La Roma Drone Conference è un evento con cadenza mensile in cui si approfondisce un singolo settore applicativo sui SAPR. Il 24 febbraio c’è stato un focus sulle prospettive di impiego degli APR per forze armate, corpi di polizia e protezione civile in Italia’, per mettere in risalto problematiche, soluzioni e progetti innovativi in un clima di scambio interessato e volontà di crescita. Per le Forze Armate è stato utile comprendere meglio gli scenari di utilizzo di alcuni tipi di droni in particolare le aziende italiane produttrici di droni professionali possono garantire quel supporto anche alle forze di polizia, mettendo in campo delle versioni speciali dei propri velivoli, in particolare la FLY TOP ha presentato un drone ad ala fissa studiato proprio per la Polizia.

Droni afcea

Mare Nostrum, Bilanci, testimonianze, prospettive con il Ministro della Difesa Pinotti a Napoli 16/02/15

L’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Napoli in collaborazione con la Caritas diocesana ha organizzato il convegno nazionale ‘Mediterraneo. Mare Nostrum: Bilanci, testimonianze, prospettive’. Il Convegno si è svolto il 16 febbraio 2015 alla Stazione Marittima del Porto di Napoli. Un evento a pochi giorni dall’ennesima strage di migranti nel mar Mediterraneo e a oltre un anno dai tragici naufragi avvenuti al largo di Lampedusa. Dopo i saluti del Presidente del Terminal Napoli Salvatore Lauro, si sono alternati gli interventi del del Ministro della Difesa Roberta Pinotti, del sottosegretario del Ministero degli Esteri Mario Giro, del sindaco di Pozzallo Luigi Ammatuna, della responsabile per i minori non accompagnati del Comune di Pozzallo Virginia Giugno, del Capo Dipartimento Immigrazione del Ministero degli Interni Mario Morcone, del Presidente della Commissione Industria della Camera dei Deputati Guglielmo Epifani. Ha concluso il lavori il cardinale Crescenzio Sepe. Ha moderato il dibattito Antonio Mattone, Direttore dell’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro della diocesi di Napoli. Ha presenziato l’evento anche il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare Italiana Ammiraglio Giuseppe De Giorgi. Numerose le delegazioni Militari e non presenti all’evento, impegnate operativamente nella operazione Mare Nostrum, tra cui il CISOM, la Croce Rossa e l’ Humanitas di Salerno, rappresentata dall’ing. Massimiliano Canestro, chiamata a gestire gli sbarchi a Salerno proprio il giorno successivo alla manifestazione. Presente anche una delegazione dell’ AFCEA Naples Chapter guidata dal Gen. Dario Nicolella. Nella Mission di AFCEA c’è la sostenibilità della sicurezza globale incoraggiando una relazione cooperativa e stretta tra le Agenzie Statali, Militari e le Industrie.

M Nostrum

Sotto una sintesi dei lavori:

Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha ribadito di dover essere “orgogliosi per ciò che è stato fatto con Mare nostrum”. “Una vita umana in meno è un tesoro in meno per l’umanità”, ”Non possiamo avere – afferma il ministro – un’Europa solo attenta alla stabilità dei conti, ma un’Europa capace di rispondere a queste esigenze umane”. Per la Pinotti il problema dell’immigrazione va gestito nel pieno rispetto dei diritti umani, ma considerando vari elementi. Tiene banco la questione Libia e il pericolo Isis, per tal motivo la Pinotti afferma: “Le forze armate italiane hanno una capacità a tutto tondo di difendere il nostro Paese”, prosegue, dichiarando: ”Si è deciso di aumentare il numero dei militari impiegati nell’operazione ‘Strade Sicure’, siamo passati a 5.000”. Il rischio del terrorismo internazionale grava sull’Italia, per cui servono misure cautelari e una più attenta e accurata sorveglianza. Il tema dell’Impegno Europeo nell’affrontare gli ingenti flussi migratori è stato ripreso anche dal sottosegretario del Ministero degli Esteri Mario Giro, che ha ricordato che tali flussi non dipendono da noi e che l’Italia è una delle Frontiere della Comunità Europea e come tale deve essere considerata. Il passaggio da Mare Nostruma a Triton significa questo. Bisogna fare vera politica estera comunitaria con una politica comune di accoglimento e accompagnamento dei migranti. Ricordiamo che l’ EU acoglie solo in minima parte i flussi migratori di rifugiati e disperati che fuggono da zone di guerra. Il Libano da solo accoglie otre un milione di siriani che è un numero spaventoso per quella nazione. Il sindaco di Pozzallo, Luigi Ammatuna, che ha vissuto oltre 16 sbarchi per un totale di 27.000 migranti, ha ricordato che la popolazione del piccolo comune siciliano si è impegnata tutta nell’accoglimento dei rifugiati, mai rifiutando aiuti a chi ne avesse chiesti, ed ha concluso il suo intervento con un richiesta: “voglio essere il sindaco che riceve migranti, non il sindaco che riceve cadaveri” ponendo l’accento sulle ultime tragedie avvenute che lo hanno visto con la fascia tricolore al funerale dei morti arrivati con gli ultimi sbarchi a testimoniare che è stata la Città a riceverli ed ha dargli, purtroppo, l’ultimo saluto.

CREARE OPPORTUNITA’ DI LAVORO ATTRAVERSO L’AEROSPAZIO – UNIVERSITÀ PARTHENOPE 22-23 OTTOBRE 2014

L’Aerospazio è un volano della re-industrializzazione dell’economia italiana e campana.  Da questo assunto sono partiti  gli organizzatori del convegno internazionale sul futuro del comparto tenutosi a Napoli il 22 e 23 ottobre al Centro Direzionale presso l’Aula Magna dell’Università Parthenope. Il Comparto Aerospaziale/Aeronautico Campano conta oltre 130 Aziende, di cui 30 impiegano oltre 8.000 addetti, e con un fatturato superiore a 1,5 miliardi di Euro ovvero una quota superiore al 20% del Mercato Totale Nazionale.

L’evento è stato promosso nell’ambito del semestre italiano di presidenza del Consiglio dell’Unione Europea dall’ateneo napoletano Parthenope, dalla Pagnanelli Risk Solutions Ltd e da AEROPOLIS, l’associazione napoletana di operatori dell’aerospazio.

Il Convegno è stato aperto dal Prof. Vittorio Prodi, già Presidente di “Sky&Space Intergroup” del Parlamento Europeo e ha ricevuto il patrocinio di numerosi enti, tra cui EASA, Royal Aeronautical Society, ENAC, ANSV, CIRA, AIDAA, Aeronautica Militare, Aero Club d’Italia, ANPAC, EGNOS e molti altri. L’Evento ha visto la partecipazione dell’ Assessore al Lavoro della Regione Campania, Severino Nappi, esperti dell’Unione Europea, rappresentanti di ASI, rappresentanti dl DAC, il Presidente Antonio Ferrara di AEROPOLIS  e del presidente del CIRA il prof. Luigi Carrino. Diverse le sessioni di approfondimento in programma,tra queste quelle dedicate all’aviazione generale, allo sviluppo di aeromobili di nuova generazione, alle nuove attività commerciali nello spazio e un focus sulle PMI del comparto aeronautico campano.

Durante i due giorni di lavori al Centro Direzionale di Napoli si sono alternati i contributi di EASA, EAS, Aeronautica Militare, ANPAC e aziende come PIAGGIO AEROSPACE con Gianvito Apuleo (in foto sotto mentre presenta il P180 EVO), ATITECH, TECNAM, DEMA con Assia Viola, TESI, ABETE con Giovanni Abete, K4A, Telespazio, STASA, Thales Alenia Space Italia, Space Renaissance e le start-up D-Orbit, Ship in Space, Trans-Tech,  AirMovie Lab, Cloud Cam con Pietro Graceffa, FlyTop, Skyline con Michele Fazio (in foto sotto con Massimiliano Canestro e Vittorio Adelfi del CIFIT) e TopView con Nicola Formicola (in foto sotto con Massimiliano Canestro mentre mostra l’ APR Prodigy con telaio in legno).

L’evento è stato organizzato anche con il contributo di Roma Drone Expo&Show ed ha visto tra gli altri la partecipazione di ENAC con Carmine Cifaldi, i distretti aerospaziali di Campania e Puglia, Università di Bologna, Università di Messina, UASiT, ASSORPAS e EuroUSC-Italia.

Presente all’ evento anche l’AFCEA Naples Chapter con il Segretario Massimiliano Canestro. Una Sessione a parte c’è stata sugli APR (Aeromobili a Pilotaggio Remoto) partendo dalla normativa attuale per il loro utilizzo sino alle startup, di cui alcune campane, per la loro produzione.

Durante i break, la SMS Engineering ha presentato ad alcuni degli operatori presenti la Soluzione Software NMCs (Non Conformity Management System) per la gestione delle Non Conformità di Processo in produzione, problematica molto sentita nel settore Aeronautico/Aerospaziale.

aero

AFCEA Naples Chapter patrocina il Forum ICT Security 2014, tenutosi nell’Aula Magna della Scuola Trasporti e Materiali dell’Esercito Italiano TRAMAT

Città Militare “La Cecchignola” – Roma dall’ 8 al 10 ottobre 2014. Convegno dedicato alle tematiche della Sicurezza Informatica organizzato da Tecna Editrice. E’ ormai noto che l’aggiornamento costante e la formazione sono le soluzioni più indicate per far fronte alle problematiche derivanti dalla sicurezza informatica. E’ per questo che il Forum ICT Security nasce già nell’anno 2001 con l’unico obiettivo di diffondere la cultura della sicurezza informatica tra tutti coloro che sono potenzialmente attaccabili: il singolo cittadino, la piccola impresa, la grande azienda, fino alla Pubblica Amministrazione. Con l’ausilio dei massimi esperti del settore, Istituzionali e di Mercato, il Forum ICT Security offrirà una panoramica dettagliata esaminando tutti gli aspetti che riguardano le tematiche della Sicurezza Informatica. Aggiornamenti sui temi legali e di privacy, sulla protezione delle Infrastrutture Critiche, la protezione dei dati personali e dell’azienda, la sicurezza dei pagamenti, la crittografia, le tecnologie più all’avanguardia, e molto altro. Novità di questa edizione sono state le Demo Zone. Due aule da circa 40 posti l’una che hanno lavorato in parallelo. Ogni mezz’ora, ciclicamente, è stato possibile
assistere alle dimostrazioni/presentazioni pratiche delle aziende Sponsor. L’evento è stato patrocinato anche dalla CIFIT. Diversi i relatori e le personalità di spicco del Mondo della Sicurezza Informatica e dell’ ICT. Tra gli intervenuti il Prof. Roberto Setola, nella foto sotto, Director of the Master in Homeland Security dell’ UNIVERSITA’ CAMPUS BIO-MEDICO DI ROMA, che ha riportato i dati presentati precedentemente in un convegno sullo SLO Project.
In particolare: “il budget in sicurezza non è diminuito, l’allocazione sulla ICT Security è al 19%. C’è un focus sull’ All-Hazard Approach ovvero sulla mitizzazione delle conseguenze derivanti da un disastro più che sulla sua possibile prevenzione partendo dal presupposto che ci sarà sempre un evento impossibile ed imprevedibile che annullerà tutti i meccanismi di sicurezza posti in essere. Security is a dynamic state!”. Tra le autorità intervenute il Prefetto Domenico Vulpiani, Coordinatore dei Sistemi Informativi del Ministero dell’ Interno, in foto sotto con il Segretario dell’AFCEA Naples Chapter, ing. Massimiliano Canestro, che ha fornito un quadro generale sul numero di
datacenter e basi dati presenti in Italia focalizzando la relazione sulla necessità di razionalizzare il tutto per meglio garantirli da un punto di vista di sicurezza in generale. L’AFCEA Naples Chapter ha poi discusso con gli organizzatori dell’Evento e con le Aziende Partecipanti, la possibilità di tenere una edizione anche a Napoli della Manifestazione.

ict security

AFCEA patrocina: Le nuove sfide tecnologiche per la sicurezza, dall’utilizzo dei Droni alla Cyber Security

Si è tenuto venerdì 12 Settembre 2014, presso l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte di Napoli il convegno in oggetto. Organizzato dall’Associazione Internazionale C.I.F.I.T., acronimo di Criminology International Forensic Investigation Technologies. La C.I.F.I.T., presieduta da Giuseppe Di Somma, è un’associazione di professionisti estremamente qualificati nata con il preciso scopo di essere di supporto a privati e ad Enti pubblici, attraverso i propri servizi di consulenza nella formazione e nell’applicazione delle norme in materia di analisi forense, criminologia, scienza dell’investigazione e della sicurezza, relativamente alle tematiche, nonché problematiche, connesse alle suddette scienze. Gli APR e i loro molteplici utilizzi hanno offerto lo spunto ai relatori intervenuti al convegno per argomentare sui decisi passi avanti compiuti dalla tecnologia in questo settore e soffermarsi sui delicati aspetti riguardanti la sicurezza informatica. Si è parlato soprattutto degli utilizzi in ambito civile dei droni attraverso presentazioni, filmati, ed una piccola dimostrazione in Sala seguita, a fine convegno, da una dimostrazione pratica all’esterno utilizzando gli esperti piloti del CIFIT. Il dibattito è stato moderato dall’Avv. Maurizio Rossi. All’appuntamento hanno preso parte espositori dall’elevato profilo professionale mentre tra il pubblico erano presenti molte uniformi appartenenti all’Arma dei Carabinieri, dell’Esercito e della Polizia, oltre ad una nutrita rappresentanza di operatori di settore. Sono intervenuti al dibattito: il Dott. Massimo Della Valle, Direttore dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, il Dott. Giuseppe di Somma, Presidente di C.I.F.I.T. – che ha relazionato sull’utilizzo dei Droni – l’ing. Andrea Maccapani, Selex ES Italy – storia di tali tecnologie ed utilizzo in ambito militare -, il Dott. Vergemino Testa, esperto Criminalista – l’uso dei Droni sulla scena del crimine -, il Dott. Ciro Punzo, Prof. A.C. Diritto Internazionale – le regolamentazioni ENAC e scenari futuri possibili -, Il Prof. Avv. Severino Nappi (Assessore al lavoro, formazione e orientamento professionale), in rappresentanza della Regione Campania, il Prof Ing. Sergio Vetrella (Assessore ai Trasporti e Mobilità) della Regione Campania , il Presidente dell’AFCEA Naples Chapter, B. Generale (aus) Dario Nicolella. Numerosi i video mostrati per meglio sensibilizzare la platea sugli utilizzi in ambito civile degli aeromobili a pilotaggio remoto.

Dr. Di Somma: “Non è facile commentare in poche parole il valore espresso oggi dal convegno, posso solo dirvi che grazie al notevole interesse mostrato dal pubblico presente per tutti gli interventi dei prestigiosi oratori che hanno partecipato al dibattito, direttamente coinvolti nelle attività di ricerca sui Droni e sulla Cyber Security, spero sia stata fatta luce sui notevoli progressi compiuti da queste nuove forme di tecnologia nelle diverse aree in cui possono trovare applicazione senza dimenticare che in questo momento possono concorrere a creare i presupposti per nuove opportunità di lavoro“.

B. Generale (aus) Dario Nicolella: “L’AFCEA ha tra i focus l’evoluzione dell’utilizzo dei droni sia in ambito militare che civile. Nel 2013 un convegno simile è stato tenuto in Accademia Aeronautica proprio sull’utilizzo dei droni in ambito militare. Fondamentale è la ricerca sulla cyber security di tali aeromobili. Immaginate cosa potrebbe succedere se in teatro operativo il comando remoto finisse nelle mani del nemico“.

RASSEGNA STAMPA ON LINE

YOUTUBE Il Drone Poliziotto

http://www.youtube.com/watch?v=tQrapemO3OY

YOUTUBE Droni e Tecnologie al servizio della Sicurezza

http://www.youtube.com/watch?v=ww5VWagUVT4

MOTOR & FASHION Le nuove sfide tecnologiche per la sicurezza, dall’utilizzo dei Droni alla Cyber Security

http://www.motorefashion.it/nuove-sfide-tecnologiche-per-sicurezza-dallutilizzo-dei-droni-cyber-security/

IL DENARO Droni, spioni e investigatori Cyber security è nuova sfida

http://denaro.it/blog/2014/09/12/droni-spioni-e-investigatori-cyber-security-e-nuova-sfida/

immagine convegno cifit

AFCEA Naples Chapter patrocina l’International Workshop on Metrology for Aerospace

E’ stato installato il 28 maggio mattina, in Piazza Castello, il mock-up del “Predator B” dell’Aeronautica Militare. Il drone, impiegato in attività di ricognizione e sorveglianza, attualmente in servizio presso il 32° Stormo di Amendola (Foggia), è stato una esclusiva riservata all’Università degli Studi del Sannio in occasione del workshop internazionale sulle misure per l’aerospazio, l’ IEEE International Workshop on METROLOGY FOR AEROSPACE, che si è svolto a Benevento il 29 e 30 maggio 2014.  L’evento, ha richiamato in città più di cento studiosi da ogni parte del mondo, ha goduto anche del patrocinio dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e dell’AFCEA Naples Chapter (Armed Forces Communications & Electronics Association) oltre che di altri prestigiosi istituti di ricerca e società del settore. L’inaugurazione si è svolta giovedì 29 maggio alle ore 9.00 presso il Museo del Sannio con i saluti istituzionali del rettore dell’ateneo sannita Filippo de Rossi, del sindaco di Benevento Fausto Pepe, del commissario della Provincia di Benevento Aniello Cimitile. Nell’occasione il prof. Roberto Sabatini dell’RMIT University – School of Aerospace, Mechanical and Manufacturing Engineering (Australia) ha tenuto una relazione sul tema “Innovative Flight Test Instrumentation and Techniques for Airborne Laser Systems Performance Analysis and Mission Effectiveness Evaluation”. L’obiettivo della due giorni beneventana è stato quello di far confrontare gli studiosi che lavorano nello sviluppo di strumentazioni e metodi di misura per il settore aerospaziale e il mondo industriale. I lavori sono stati coordinati dal Prof. Pasquale Daponte, ordinario di Elaborazione dei Segnali e delle Informazioni di Misura dell’Università degli Studi del Sannio, nonché Consigliere dell’ AFCEA Naples Chapter, e dalla Prof.ssa Marina Ruggieri, ordinario di Ingegneria delle Telecomunicazioni presso l’Università di Roma Tor Vergata. Per l’occasione l’Aeronautica Militare ha predisposto anche uno stand, con personale dell’AM, per la distribuzione di materiale divulgativo ed informativo. Inoltre, il Col. Gianluca Chiriatti, Comandante del Centro di Eccellenza Aeromobili a Pilotaggio Remoto di Amendola, ha tenuto il 29 maggio, alle ore 11, presso l’Aula Blu di Palazzo San Domenico, in Piazza Guerrazzi, una relazione su “L’Aeronautica Militare ed i sistemi APR: un decennio di indiscussa esperienza, proiettata verso le sfide future”. Tra gli esponenti del mondo imprenditoriale e scientifico Campano, si segnala la Presenza del Prof. Luigi Carrino, Presidente del Cira e del DAC, in foto con i consiglieri AFCEA, Prof. Pasquale Daponte ed ing. Luigi Di Fraia (Telecom), con il Presidente AFCEA Col. Dario Nicolella ed il Vice Presidente AFCEA ing. Francesco Castagna e con l’ ing. Antonio Ascione Presidente della SMS Engineering. Il Prof. Carrino durante l’evento ha discusso con il Board dell’AFCEA Naples Chapter possibili sinergie da avviare sia con il Distretto Aeronautico Campano che con il CIRA che presiede.

metrology

AFCEA patrocina il workshop “La sicurezza negli ambienti virtuali con le soluzioni integrate di SMS Engineering, Veeam e Kaspersky

Si è svolto lo scorso 20 maggio il workshop dal titolo “La Sicurezza negli ambienti virtuali” organizzato dalla SMS Engineering in collaborazione con i partner Veeam e Kaspersky.
Prima di entrare nel merito dell’argomento oggetto del seminario, in fase di apertura, è stata fatta una premessa importante, ovvero è stata posta l’attenzione su un concetto fondamentale: l’IT come fattore di vantaggio competitivo per le aziende. Che è la ragione per la quale gli imprenditori devono sempre più prenderne coscienza ed investire nel digitale. I Paesi che maggiormente investono sul digitale sono poi quelli che raggiungono maggiori livelli di crescita e quindi l’unico modo che le aziende hanno a disposizione per vincere la competizione, la sfida internazionale è proprio quello di investire nell’ICT.
Un alternarsi di relatori e testimonial si è susseguito per illustrare alle aziende presenti, le problematiche di sicurezza legate ai nuovi scenari tecnologici, in particolare la sicurezza nella virtualizzazione.
Le moderne tecnologie ICT prevedono sempre più la migrazione dei sistemi informativi verso gli ambienti virtuali, per diminuire i costi di acquisto hardware, i costi di manutenzione e per garantirne la continuità. In questo nuovo scenario nascono nuove problematiche: le sfide legate alla sicurezza si moltiplicano rapidamente ed introducono nuovi rischi.
La virtualizzazione infatti, se da un lato comporta tutta una serie di vantaggi, in primis l’ottimizzazione dei tassi di utilizzo dell’infrastruttura IT, per quanto riguarda la sicurezza l’effetto è quello di amplificare le vulnerabilità. L’80% degli attacchi informatici che arrivano soprattutto ai sistemi virtuali, provengono principalmente dall’interno. In genere si tende a pensare che la sicurezza sia un problema di hacker o di qualsiasi altro individuo esterno all’azienda. Questi possono essere presenti, ma la maggior parte dei problemi in termini di sicurezza che le aziende stanno vivendo negli ultimi anni vengono da un uso improprio, non necessariamente in malafede, da parte del personale interno che utilizza i sistemi informativi aziendali, con conseguente responsabilità penale degli amministratori legata alla eventuale cattiva gestione delle informazioni relative alla propria clientela, oltre che alle informazioni personali e sensibili.
A tale scopo, la SMS Engineering, insieme a Veeam e Kaspersky per le quali è certificata come partner Gold sul territorio (vantando quindi i massimi livelli di certificazione), sta diffondendo questa nuova cultura legata alla sicurezza rispetto agli ambienti virtuali.
VEEAM è un’azienda che realizza soluzioni software innovative per gestire a 360° il datacenter moderno e garantirne la continuità di servizio. Uno dei “punti caldi” è sicuramente la disponibilità, “l’availability” del dato in tutte le sue forme all’interno di una piattaforma moderna virtualizzata”. KASPERSKY invece, è un’azienda produttrice di software per la sicurezza informatica, che vanta di un’esperienza ventennale, grazie al suo fondatore Eugene Kaspersky, che nasce come analista per la sicurezza informatica, oggi leader sul mercato, e ha portato l’esperienza nel mondo della virtualizzazione, della produzione degli ambienti virtualizzati con Kaspersky  Security for Virtualization 2.0 e 3.0.
L’ evento è stato patrocinato anche da AFCEA Naples, Armed Forces Communications and Electronics Association,  che attraverso il Segretario, Massimiliano Canestro, ha portato i saluti dell’ attuale Presidente, Col. Dario Nicolella, ed ha ricordato l’impegno dell’Associazione Internazionale sia in ambito Cyber Security sia in ambiti Innovativi e Tecnologici come quelli che sono stati affrontati durante il Metrology for Aerospace che si è tenuto a Benevento il 29 e 30 maggio 2014.

Evento 20 maggio

AFCEA Napoli: il Col. Nicolella eletto nuovo Presidente, F. Castagna Vice Presidente, M. Canestro – venerdì 29 novembre 2013

Si è svolto il 28 novembre, alle ore 12:00 presso la sala Calipso del Centro Congressi della Stazione Marittima di Napoli, durante la manifestazione Technology Biz, il convegno “Deployable Communication Systems” a cura dell’AFCEA Napoli Chapter. Dopo i saluti di benvenuto del Presidente, si sono susseguiti una serie di interventi su argomenti quali il Sistema Info-Logistico dell’Aeronautica Militare in Operazioni di basi di rischiaramento, le esperienze di Deployable Data Center, e il sistema rischiarabile della NATO e dell’Aeronautica Militare. Tra i relatori il Col. Lolli, il Col. Ferrando e il CF Sgrosso. Durante l’evento, è stato eletto il nuovo Direttivo: il Col. Dario Nicolella Presidente, l’ing. Francesco Castagna Vice Presidente, il Segretario Massimiliano Canestro, della SMS Engineering, coadiuvati dal “Past-President” il Gen. S.A. Giuseppe Marani.(in foto al centro tra Massimiliano Canestro e Francesco Castagna). L’AFCEA è un’organizzazione internazionale non-profit, che è al servizio dei suoi membri e fornisce un forum per lo scambio etico di informazioni. E’ dedicata ad accrescere la conoscenza attraverso l’esplorazione di questioni rilevanti per i suoi membri, nella tecnologia dell’informazione, comunicazione e dell’elettronica per le comunità di difesa, sicurezza nazionale e di intelligence. I fondatori di AFCEA, un gruppo di comunicatori guidati da David Sarnoff, sperimentarono di prima mano come aprire un dialogo e forti relazioni tra governo e industria in tempi di pace, posso contribuire a garantire una comunicazione efficace in tempi di guerra. Nel 1946, hanno fondato AFCEA dalla U.S. Veterans Signal Association e dall’American Signal Corps Association, con l’obiettivo di promuovere la comunicazione, il dialogo e uno scambio etico aperto di informazioni tra i settori pubblico e privato. Gli scopi dell’Associazione sono stati ampliati, ma questo obiettivo resta il pilastro di AFCEA International. Anche l’istruzione è un “valore Core” di AFCEA: l’Educational Foundation AFCEA è un’organizzazione internazionale non-profit. Complessivamente, AFCEA International, la Fondazione AFCEA Educational, e AFCEA Chapters investono circa 2 milioni di $ in borse di studio ai veterani militari, studenti ROTC, e insegnanti e studenti STEM. Situati in tutto il mondo, 130 capitoli e sotto-capitoli offrono a ingegneri, programmatori, manager, funzionari governativi e militari continue opportunità di scambiare idee circa comunicazioni, tecnologie, impianti di intelligence, di imaging e di informazione.

untitledj

AFCEA: Deployable Communication Systems al TBiz – mercoledì 13 novembre 2013

Il Presidente del Capitolo di AFCEA Napoli, Gen. S.A. (Ris) Giuseppe MARANI, il Vice Presidente, Col. Dario Nicolella ed il Vice Presidente, ing. Francesco Castagna, hanno il piacere di invitare la S.V. al convegno:

DEPLOYABLE COMMUNICATION SYSTEMS
Il 28 Novembre 2013 alle ore 12:00 presso Il Centro Congressi della Stazione Marittima di Napoli, durante il Technology Biz.
PROGRAMMA
12:00 – 12:10 Saluto di benvenuto del Presidente AFCEA Napoli
12:10 – 12:35 Il Sistema Info-Logistico dell’Aeronautica Militare in Operazioni di basi di rischiaramento  (Col. Lolli A.M.)
12:35 – 13:00 Esperienze di Deployable Data Center (CISCO)
13.00 – 13.25 Il Sistema rischiarabile della NATO (CF Sgrosso M.M.)
13:25 – 13:50 Il Sistema rischiarabile di Comando e Controllo dell’Aeronautica Militare (Col. Ferrando A.M.)
14:00 Saluto del Presidente e chiusura.
L’iscrizione è obbligatoria. Si prega voler segnalare la propria partecipazione entro il giorno
untitledf
EVENTO AFCEA: REMOTELY PILOTED VEHICLE OPTIONS FOR CONTROL – 24 aprile 2013 Napoli

Lo scorso 24 Aprile 2013, si è tenuta presso l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli (Napoli), la conferenza dal titolo “REMOTELY PILOTED VEHICLE: OPTIONS FOR CONTROL”. L’evento, organizzato dall’AFCEA Naples Chapter (Armed Forces Communications and Electronics Associations – Capitolo di Napoli) e realizzato attraverso l’impegno del consiglio direttivo composto dal Presidente, il Gen.le SA Giuseppe Marani, dal Vice Presidente, il Col. Dario Nicolella, dal Vice Presidente, l’ing. Francesco Castagna, e coordinato dal Segretario, l’ing. Massimiliano Canestro, ha visto la partecipazione di quasi 100 persone tra militari e civili, che si sono alternati durante la giornata. Oggetto dell’incontro è stata l’analisi del futuro del trasporto aereo civile e militare, gestibile anche attraverso aeromobili controllati a distanza da piloti a terra. Ricordiamo che la metropolitana di Londra è gestita attraverso treni comandati in remoto. Sono stati analizzati gli aspetti tecnici, le possibilità di utilizzo alternative dei droni non strettamente legate al trasporto passeggeri e/o alla difesa aerea, le problematiche connesse al controllo/comando di questi particolari aeromobili, le esperienze/sperimentazioni attive, gli standard attuali e gli aspetti normativi.

A dare il via alla conferenza, è stato il saluto di benvenuto del Gen.le Umberto Baldi, Comandante dell’Accademia Aeronautica, seguito dall’alternarsi negli interventi del Col. Dario D’Ippolito – Stato Maggiore AM (I sistemi RPV dell’Aeronautica Militare); dell’Ing. Giulio CHIESA – SELEX E.S. (L’esperienza  Falco e P.1 Hammerhead. Quale C2); del Com.te Emilio BIASIN, Alpi Aviation (L’esperienza STRIX e SIXTON quale futuro nel controllo dei mini); del Dr. Marco BARRERA  della ALTEC, del Dr. Filippo GEMMA, GMSPAZIO (Esperienze con Mini RPV. Monitoraggio del territorio: Modeling e Simulation quale supporto per la definizione, la messa a punto e la verifica dei sistemi che utilizzano RPV);

del CF Ferdinando SCARAZZINI – COI (La simulazione in ambiente operativo); del T.Col. Guido GIORDANO – COI (Le frequenze utilizzabili per il controllo dei mezzi e l’utilizzo del payload, disponibilità, distribuzione, costi); dell’Ing. Carmine CIFALDI, dell’ Ing. Carmela TRIPALDI, del Gen.le D.A. (Aus) Antonio PILOTTO -  ENAC (La normativa civile sugli RPV e interazione con Spazio Aereo e Traffico Aereo) e del T. Col. Alessio GRASSO – Segretariato della Difesa Direzione degli Armamenti  Aeronautici (La normativa militare).

L’evento ha voluto favorire lo scambio d’informazioni sull’RPV, tra mondo civile e mondo militare, seguendo la mission dell’ AFCEA”, ribadisce il Col. Dario Nicolella, moderatore della conferenza. Un ringraziamento è stato rivolto agli sponsor SMS Engineering, Akron BT e Netgroup.

untitledc

La NATO: Prospettive per Imprese ed Istituzioni – venerdì 15 giugno 2012

Napoli, 22 giugno 2012 Ore 14:30, Unione Industriali Napoli, Sala D’Amato,  P.zza dei Martiri 58 – NAPOLI.

Nel mutato scenario finanziario politico internazionale anche la NATO ha dovuto rimodulare i propri obiettivi ed il proprio modello finanziario. Nel  momento di crisi attuale diventa sempre più importante per le Imprese rivedere il proprio modello di business ed in quest’ottica diventa fondamentale trovare nuove strade di finanziamento e nuovi mercati di sbocco. Viviamo in un clima di profondo relativismo a tutti i livelli. La globalizzazione e l’economia “delle reti” hanno completamente mutato tutti gli scenari. Il convegno offre una panoramica sulle future strategie della NATO e le possibilità di offerte per le imprese nel campo delle telecomunicazioni e dei sistemi informativi. Una menzione a parte riveste la possibilità per le istituzioni (Enti Locali, Università, Enti di ricerca, etc.) di utilizzare le capacità offerte dal Centro di Ricerche Sottomarine di La Spezia (NURC) unico Ente NATO in Italia, a poter usufruire dei fondi della Comunità Europea. Pertanto questo convegno e’ orientato a tutte le aziende che intendono ampliare le proprie prospettive di lavoro con la NATO ed a tutte le Istituzioni che possono accedere ai fondi della Comunità Europea e/o sono proiettate verso il mare.
La partecipazione è gratuita ma l’iscrizione è obbligatoria RSVPentro il 20/06/12: segreteria@afceanaples.it
RELATORI:

Presidente Paolo GRAZIANO, Gen. S.A. (r)  Giuseppe MARANI, Gen. S.A. Leandro DE VINCENTI, B.Gen. (r) Idalo LAZZARI, Ing. Alessandro BERNI, Ing. A. COLASANTE
Moderatore: Col. Dario Nicolella
untitledb
Cyber Security Conference and Challenge 12-13 marzo 2012

Si è tenuta a Napoli il 12 e 13 marzo 2012 la Conferenza Internazionale sulla Cyber Security.

L’ Evento organizzato dall’ AFCEA Naples Chapter ha visto la partecipazione di numerosi esperti della materia. Gestita dal Conference Manager Massimiliano Canestro, SMS Engineering, ha visto la partecipazione di  80 ospiti internazionali, sia del mondo militare che civile, che si sono confrontati sulle problematiche connesse al mondo della Sicurezza in ambito informatico. E’ una grande conquista per Napoli che per due giorni è stata il centro di una manifestazione di interesse scientifico internazionale che si è aperta, presso la sede della Fondazione Mediterraneo, con l’intervento del Prof. Italo Biddittu, Il paleontologo che ha ritrovato un teschio umano risalente ad oltre 450.000 anni fa, ospitato nel famoso Museo di Pofi vicino Frosinone, che ha parlato della “comunicazione umana” in 2.500.000 di anni. Numerose le associazioni partenopee che hanno partecipato alla manifestazione, tra cui la FONDAZIONE MEDITERRANEO, rappresentata dal Prof. Michele Capasso, che ha siglato proprio con AFCEA un Memorandum of Understanding e  l’ ASSOCIAZIONE LEUCOSIA.  Presenti alla manifestazione, patrocinata dai Giovani dell’ Unione Industriali di Napoli, dal Consolato Britannico di Napoli insieme a UKTI e da altre numerose associazioni imprenditoriali partenopee, la CISCO, L’ Univeristy of Glasgow, l’ ENEA, EUROCONTROL e il FORMEZITALIA nella Persona del Presidente Secondo Amalfitano che ha siglato proprio nella sede del Formez, dove si sono svolti i lavori della seconda giornata, un MoU propedeutico alla nascita di una “Air Traffic Cyber Security School”, importantissimo risultato raggiunto grazie all’impegno speso dal LTC Guido Giordano e dal LTC Gabriele Romano, rispettivamente Presidente e Vice Presidente uscenti del Chapter partenopeo di AFCEA.  Diverse le sorprese che hanno caratterizzato la manifestazione a livello internazionale:

untitleda

Assemblea AFCEA a Pofi con i cadetti dell’ Accademia Aeronautica – lunedì 10 ottobre 2011

Assemblea AFCEA a Pofi con i cadetti dell’ Accademia Aeronautica. Cinque allievi dell’Accademia Aeronautica hanno partecipato all’assemblea soci e al consiglio direttivo del Naples Chapter AFCEA svoltosi presso la Sala Conferenze del Centro Servizi Culturali del Comune di Pofi (FR) in data 7 Ottobre 2011 al fine di conoscere le iniziative dell’associazione e dare visibilità all’istituto di formazione. Il tema principale dell’evento è stato la Cyber Security Conference & Challenge che si terrà a Napoli nel 2012. Ciò ha permesso agli allievi di conoscere l’iniziativa e di fornire il proprio apporto in termini d’idee e progetti. La presenza del Prof. Biddittu ha arricchito l’incontro con nozioni riguardanti la comunicazione e all’evoluzione dell’uomo in modo tale da fornire importanti spunti di riflessione per i cadetti.

Inoltre il T. Col. Giordano, presidente dell’associazione, ha presentato altri eventi internazionali cui l’organizzazione parteciperà allo scopo di evidenziare le opportunità offerte agli iscritti. La presenza degli allievi dell’Accademia Aeronautica ha posto l’accento ancora una volta all’impegno e alla volontà dell’istituto nell’accrescere la cultura dei frequentatori. In questo modo i cadetti hanno appreso nozioni fondamentali riguardanti comunicazione e cybersecurity, due temi sempre più importanti nel mondo militare. La presenza dei futuri dirigenti di forza armata ha permesso all’associazione di ricevere spunti e idee per l’associazione a livello internazionale in modo da permettere una partecipazione attiva alle attività proposte. Durante l’ Assemblea Massimiliano Canestro ha avuto l’investitura ufficiale di Conference Manager della Cyber Security Conference & Challenge, ed il Presidente ,Ten. Col. Guido Giordano, ha ricevuto un Premio dalla SMS Engineering quale riconoscimento per l’impegno profuso. Tra i presenti l’ing Luigi Di Fraia di Telecom Italia

untitled8

LONDRA: Presentata in INTELLECT la Cyber Security Conference che si terrà a Napoli nel 2012 – venerdì 30 settembre 2011

Presentata a Londra in INTELLECT (Confindustria ICT in UK) la Conferenza Internazionale sulla Cyber Security che si terrà a Napoli il 12 e 13 marzo 2012.
L’ Evento organizzato dall’ AFCEA Naples Chapter vedrà la partecipazione di numerosi esperti della materia. Previsti oltre 800 ospiti internazionali, sia del mondo militare che civile, che si confronteranno sulle problematiche connesse al mondo della Sicurezza in ambito informatico. E’ una grande conquista per Napoli che per due giorni diventerà il centro di una manifestazione di interesse scientifico internazionale che si aprirà con l’intervento del Prof. Italo Biddittu, Il paleontologo che ha ritrovato un teschio umano risalente ad oltre 450.000 anni fa, ospitato nel famoso Museo di Pofi vicino Frosinone, che parlerà della “comunicazione umana” in 2.500.000 di anni. Numerose le associazioni partenopee che parteciperanno alla manifestazione, tra cui la FONDAZIONE MEDITERRANEO che ha siglato proprio con AFCEA un Memorandum of Understanding e  l’ ASSOCIAZIONE LEUCOSIA.  Saranno inoltre presenti la CSFI (Cyber Security Forum Initiative) rappresentata dal fondatore Mr Paul De Soza, INTELLECT (Confindustria ICT in UK)  e il FORMEZITALIA nella Persona del Presidente Secondo Amalfitano. In via di definizione ulteriori sponsorizzazioni Patrocini e partecipazioni delle Autorità Governative locali e Nazionali oltre che della Difesa e delle Associazioni Imprenditoriali Partenopee. Conference Manager della Conferenza è l’ Ing. Massimiliano Canestro, SMS Engineering.

Diverse le soprese che caratterizzeranno la manifestazione a livello internazionale:
-          Challenge: durante l’evento ci sarà una sfida etica tra giovani hacker, appartenenti sia al mondo della difesa che al mondo civile, il cui andamento verrà trasmesso in video contestualmente alla conferenza e che prevederà anche la premiazione da parte dell’ AFCEA Naples Chapter Young President, ing. Francesco Castagna, della squadra che riuscirà per prima a “bucare” il sistema informativo dell’ avversario.
-          International Cyber Security School: sono in corso incontri bilaterali e multilaterali finalizzati alla nascita di una SCUOLA EUROPEA DI CYBER SECURITY, unica in Europa, che prevederà la formazione e l’addestramento secondo i nuovi standard internazionali. L’impegno assunto dal Naples Chapter di AFCEA riguarda la possibilità che detta scuola possa stabilire la propria sede europea a Napoli.
La lista dei Keynote Speakers si arricchisce ogni settimana di ulteriori esperti e verrà ufficializzata al termine della prossima Technet International di AFCEA, prevista ad Heidelberg dal 20 al 21 ottobre 2011.
untitled6
AFCEA “INTEGRATING CYBERSPACE INTO BATTLESPACE” LONDON 28-29 OTTOBRE 2010

The Queen Elizabeth II Conference Centre. The fundamental nature of warfare has changed. The cyber domain has been recognized as one of the most dangerous and potentially harmful warfighting domains. SMS Engineering was guest in the international leadership meeting in behalf of Lt Col Guido Giordano, President of Afcea Naples Chapter. (Afcea President Kent Schneider, Massimiliano Canestro, Commodore Robert Howell)

untitled4untitled5

Siglato protoccolo di intesa tra la Fondazione Mediterraneo e l’Afcea – Castagna Young President – martedì 30 marzo 2010
La pace e la sicurezza sono un binomio inscindibile: questa la base dell’accordo siglato il 29 marzo 2010 a Napoli, presso la sede della Maison Mèditerranèe (Fm) e l’ Armed Forces Communications & Electronic Association (Afcea International), dal Presidente della Fm Michele Capasso, dal General manager di Afcea Europe Commodore Robert Howell e dal Presidente della sezione Napoletana Afcea T.Col. Guido Giordano.
…Durante la conferenza è stato proclamato per acclamazione primo young President di Afcea Naples Francesco Castagna, CEO di SMS Engineering.
…l’ ing. Lucio della Valle ha proposto un video dell’ Unione Industriali di Napoli con cui ha illustrato il ruolo dell’organismo e soprattutto la sezione ICT da lui diretta…
…Giovanni Manco in rappresentanza dell’ Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli ha sottolineato l’importanza del concetto della Homeland Security…

Francesco Castagna, durante il suo intervento, evidenzia lo scenario futuro delle tecnologie di virtualizzazione e del cloud computing e l’importanza della funzione di demand management nei moderni dipartimenti IT
A fine Evento il Commodoro Howell, il comandante del Nato CIS Napoli Col.Nicolella insieme al Presidente dell’ AT Coroglio, Bruno Uccello, hanno visitato il Chapter di Napoli dell’ Afcea e la sede di Città della Scienza della SMS Engineering.
Siglato protoccolo di intesa tra la Fondazione Mediterraneo e l'Afcea - Castagna Young President - marted 30 marzo 2010Siglato protoccolo di intesa tra la Fondazione Mediterraneo e l'Afcea - Castagna Young President - marted 30 marzo 2010Siglato protoccolo di intesa tra la Fondazione Mediterraneo e l'Afcea - Castagna Young President - marted 30 marzo 2010Siglato protoccolo di intesa tra la Fondazione Mediterraneo e l'Afcea - Castagna Young President - marted 30 marzo 2010Siglato protoccolo di intesa tra la Fondazione Mediterraneo e l'Afcea - Castagna Young President - marted 30 marzo 2010Siglato protoccolo di intesa tra la Fondazione Mediterraneo e l'Afcea - Castagna Young President - marted 30 marzo 2010untitled2untitled3
Afcea Naples a Praga al Nato Cis Symposium – lunedì 13 ottobre 2008
Si terrà a Praga dal 14 al 17 ottobre il NATO CIS (Communication and Information Systems Services Agency) SYMPSIUM, manifestazione che vede impegnata la sezione ICT della Nato e suoi partner world wide. L’ evento prevederà discussioni, dibattiti e scambi di informazioni finalizzati a sviluppare politiche comuni e nuovi protocolli nei settori dell’ Intelligence e della Sicurezza. La manifestazione, di livello mondiale, favorisce lo scambio di informazioni tecnologiche tra le industrie, i professionisti,  le Agenzie Governative e i Militari.

La manifestazione, di livello mondiale, favorisce lo scambio di informazioni tecnologiche tra le industrie, i professionisti,  le Agenzie Governative e i Militari.Parteciperà alla manifestazione il consiglio direttivo dell’ AFCEA Naples, nata a Luglio di quest’anno e con sede a Città della Scienza, rappresentata dal Presidente, Lt. Col. Guido Giordano, dal Vicepresidente, Maurizio Rossi (Cisco). il Rappresentante del Comitato Tecnico dell’ AFCEA di Napoli, è l’ ing. Francesco Castagna della SMS Engineering il segretario-tessoriere è Bruno Uccello (Channel Management). Durante l’ evento il Comandante Giordano insieme a Carlo Bergonzoni presenteranno il Progetto COLIBRI (Common Live Interconnection Bridging).

Obiettivo del COLIBRI è formare ed impiegare unità con capacità di networking avanzate, dispiegabili in un tempo estremamente ristretto, capaci di gestire flussi di informazioni di qualsiasi genere, con la finalità di fornire supporto operativo avanzato agli assetti proiettati in operazioni multiruolo.
AFCEA International è un’associazione senza scopo di lucro che che si rivolge ai militari, al governo, all’industria e alle accademie in qualità di foro etico per diffondere le conoscenze specialistiche dei settori menzionati ed incrementare le partnership nei settori delle telecomunicazioni, IT, intelligence e sicurezza globale.
AFCEA sostiene la sicurezza globale incoraggiando una relazione cooperativa e stretta tra le Agenzie Statali, i militari e le industrie.

Con l’ entrata a far parte dell’ AFCEA la SMS engineering ufficializza l’inizio di attività di consulenza e sviluppo di soluzioni verso la NATO e l’Industria della Difesa.Afcea Naples a Praga al Nato Cis Symposium - luned 13 ottobre 2008

AFCEA Naples © 2014 Powered by professioneweb.com